Certificati di Deposito o Conti Deposito, cosa è meglio ?

Che cosa sono i certificati di deposito? Sono dei titoli vincolati e trasferibili, che danno il diritto a chi li ha sottoscritti di ottenere un rimborso di un capitale a scadenza, con interessi predeterminati o variabili a seconda del contratto. L’investimento nei certificati di deposito è effettuabile sul breve medio termine (di norma, per scadenze comprese tra un minimo di 3 mesi e un massimo di 5 anni), con rendimento rappresentato da cedole periodiche, o dallo scarto di emissione. Tipologie di certificato di deposito Numerose sono le categorie di certificati di deposito. Si distinguono innanzitutto i certificati di deposito zero coupon da quelli con cedole: i primi sono dei titoli senza corresponsione di interessi intermedi, che non liquidano periodicamente alcun interesse, ma corrispondono un rendimento unico alla fine del periodo contrattuale (rappresentato dallo scarto di emissione; i titoli vengono in altri termini emessi sotto la pari, e rimborsati al valore nominale, in un funzionamento similare a quello dei Buoni Ordinari del Tesoro). I secondi sono invece i certificati di deposito tradizionali, che rimborsano l’investitore con cedole periodiche. Tra i secondi, distinguiamo inoltre i certificati di deposito a tasso fisso, che remunerano l’investimento compiuto ad un tasso di interesse predeterminato prima dell’emissione, e i certificati di deposito a tasso di interesse variabile, con tasso di interesse che dipenderà dai principali parametri di riferimento dei tassi di mercato. Vantaggi e svantaggi dei certificati di deposito I certificati di deposito, per le loro caratteristiche tecniche e la loro sostanziale semplicità, si rivolgono prevalentemente a piccoli e medi investitori che desiderino poter disporre di un prodotto di investimento senza particolari rischi finanziari. Tuttavia, non sono pochi gli svantaggi cui un investitore nei CD può essere sottoposto, rispetto all’investimento in Conti deposito. Innanzitutto, ricordiamo la presenza del principale rischio di liquidità: i Certificati di Deposito a breve termine – quelli con scadenza non superiore ai 18 mesi – sono difficilmente rimborsati dalla banca collocatrice prima della scadenza, congelando di fatto l’investimento effettuato. Inoltre, chi investe in un CD a tasso variabile può subire il rischio che le cedole possano generare deprezzamenti del valore della redditività dell’investimento. A ciò si aggiunga che molte banche emettono ancora certificati cartacei (non introdotti su deposito amministrato), con conseguente rischio di distruzione, di smarrimento o di furto del titolo. Tra gli svantaggi, si aggiunga inoltre una ritenuta pari al 26%, elemento che li ha resi maggiormente sgraditi in relazione ad altre forme di investimento che godevano (o godono) di ritenute più basse. Perché sono meglio i conti deposito? A nostro giudizio, l’investimento nei conti deposito rappresenta dei margini di convenienza significativi sotto almeno tre differenti fronti: maggiore elasticità di utilizzo, con svincolo in qualsiasi momento, con il mantenimento della garanzia di restituzione della quota capitale, senza andare contro al rischio di impossibilità di disinvestimento anticipato, come invece accade con i CD a breve termine; tasso di rendimento ottenibile con i conti di deposito mediamente maggiore rispetto a quelli offerti dai CD, peraltro fissi e garantiti; possibilità di evitare tutti i … Leggi tutto

Conto deposito ad alto rendimento: guida alla scelta

I conti deposito sono sempre, chi più chi meno, ad alto rendimento, questo perchè non presentano spese di gestione e presentano tassi di interesse relativi al deposito notoriamente molto più alti di quelli che le banche offrono per i semplici conti correnti. Questo perchè nel conto deposito si è obbligati a bloccare il capitale per un determinato numero di tempo che viene concordato tra le due parti. Per aprire un conto deposito occorre, quindi, essere consapevoli del fatto che i nostri risparmi dovranno rimanere fermi per un periodo prefissato. Se impossibilitati a garantire questo fermo, è consigliabile scegliere un altro modo per gestire i propri risparmi. La scelta tra i vari conti deposito deve, quindi, essere esclusivamente fatta sulla base del tasso di rendimento, visto che i costi di gestione sono zero. Come valutare i conti deposito Per valutare i conti deposito e confrontarli tra loro per scoprire quelli che hanno il rendimento migliore è consigliabile collegarsi ai siti ufficiali dei vari istituti di credito in modo da poter esaminare le schede tecniche e il rendimento. Una volta che si sono confrontate tutte le opzioni di scelta, si può scegliere quella che riteniamo più idonea, in base sia al rendimento che all’affidabilità della banca. Ogni banca nel suo sito offre, infatti, la possibilità di poter visionare i vari servizi prestati, che prevedono mutui, prestiti, conti correnti ed appunto conti deposito. Come funziona un conto deposito Un conto deposito è, come appunto specificato nel nome, un conto bancario, che però non prevede la possibilità di far migrare continuamente in entrata e in uscita del denaro. Questo perchè a differenza del conto corrente classico si raggiunge con l’istituto di credito un accordo nel quale si stabilisce di lasciare la gestione del patrimonio interamente nelle mani della banca per un periodo di tempo che può andare da 3 mesi a qualche anno, senza quindi interferire con ritiro del denaro. Per questa ragione le banche offrono un rendimento che può arrivare anche al 2%. Pertanto, il conto deposito è un ottimo mezzo per far rendere i propri risparmi, forse l’unico ancora redditizio in Italia. Valutare bene anche l’affidabilità della banca Oltre a valutare il rendimento del tasso di interesse è bene anche scegliere la banca in base all’affidabilità che questa può darci. Sono in gioco i nostri risparmi, quindi, occorre prestare molta attenzione alle mani alle quali li affidiamo. Ci sono, infatti, diverse banche che offrono rendimenti elevati ma che non sono in grado di dare sicurezza sulla gestione del capitale affidatogli, ed è quindi bene diffidare e rivolgersi invece a chi magari applica tassi di rendimento minori ma che sa gestire in maniera più ottimale il nostro denaro.     Disclaymer: le condizioni previste da ogni istituto bancario variano nel tempo. Sei pregato di analizzare e di verificare le condizioni aggiornate sul sito ufficiale della banca, prima di fare qualsiasi acquisto e contratto. Per fare un buon investimento per il futuro,  controlla e verifica la lista dei migliori conti deposito del 2021.  

Conto deposito ideale per aziende

 Il conto deposito ideale per aziende è costruito intorno ai bisogni aziendali e li soddisfa. Proprio per questo motivo conviene richiedere presso i siti delle banche più preventivi possibili con lo scopo di scegliere quello che più fa al caso nostro. Seguendo i link presenti su questo sito è, inoltre, possibile aprire un conto corrente o un conto deposito online. Il conto deposito si differenzia dal normale conto corrente in quanto deve essere in grado di garantire rendimenti elevati rispetto al tradizionale conto. Essi, in linea generale, non prevedono spese, i tassi d’interesse sono superiori e la garanzia di sicurezza è offerta attraverso l’iscrizione della banca presso il Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi. Inoltre, esso può essere aperto solo da specifiche figure fisiche (detentori di partita IVA) o giuridiche (società). Il conto deposito ideale per le aziende è caratterizzato da specifiche spese o costi e da tassi d’interesse convenienti. Solitamente non sopportiamo spese di gestione, di chiusura o apertura del conto deposito. Facciamo attenzione ai tassi applicati al nostro deposito perché da essi dipenderà il nostro rendimento. Possiamo scegliere tra un conto svincolato o vincolato (molto conveniente). Nel primo caso possiamo utilizzare il nostro denaro, mentre nel secondo caso, possiamo farlo solo alla scadenza da noi stabilita in precedenza. Apriamo il conto che produce rendimenti convenienti, attraverso l’analisi dei tassi d’interesse, della capitalizzazione degli interessi e dell’effettivo rendimento. Il primo è il rendimento lordo garantito su ciò che investiamo, al quale sottraiamo le tasse al momento della capitalizzazione (interessi maturati). Il rendimento è dato dall’effettivo guadagno realizzato sulla somma versata sul conto deposito. Si calcola molto semplicemente sottraendo al totale eventuali tasse, spese e calcolare gli interessi netti di rendimento. Se vogliamo raggiungere un buon guadagno, è molto conveniente aprire un conto deposito vincolato in quanto, a seconda dei mesi di vincolo, possiamo usufruire di tassi d’interesse più elevati, tuttavia occorre ritirarlo alla scadenza giacché alcune banche pongono penali in caso di ritiro anticipato. Mentre se utilizziamo un conto deposito svincolato, possiamo compiere esclusivamente operazioni di versamento e prelievo di denaro. È molto utile ricordare che questi conti non possono essere utilizzati da tutti i clienti ma solo per le aziende. Inoltre, occorre analizzare bene tutte le offerte presso le banche tradizionali e quelle che operano nella rete web per scegliere la soluzione che meglio risponde alle nostre esigenze. Pertanto, è molto importante richiedere presso i singoli siti delle banche svariati preventivi online. Seguendo i link presenti su questo sito è possibile ottenere tutte le informazioni necessarie rapidamente e tranquillamente da casa nostra.   Disclaymer: le condizioni previste da ogni istituto bancario variano nel tempo. Sei pregato di analizzare e di verificare le condizioni aggiornate sul sito ufficiale della banca, prima di fare qualsiasi acquisto e contratto. Per fare un buon investimento per il futuro,  controlla e verifica la lista dei migliori conti deposito del 2021.

Come scegliere il conto deposito più conveniente?

Il conto deposito è uno speciale conto che permette rendimenti elevati bloccando il capitale sul conto per qualche mese. Per i risparmiatori è diventato un modo semplice, sicuro e redditizio per investire i propri risparmi, visti gli andamenti altalenanti dei mercati azionari e delle obbligazioni. Orientarsi nel mercato bancario per trovare il conto deposito più conveniente non è però semplice, in quanto ormai ogni istituto di credito cerca di offrire le condizioni migliori sia per i propri correntisti che per gli eventuali nuovi clienti. La concorrenza è molto agguerrita e scegliere il conto deposito più conveniente diviene un’operazione che deve essere portata avanti con calma e senza bruciare le tappe. Come valutare i vari conti deposito online Sui siti ufficiali dei vari istituti di credito è possibile visionare i vari conti deposito delle banche, in modo da capire quali sono convenienti e quali meno. Si possono così studiare i tassi di interesse che offrono le varie banche ed i costi di gestione che queste applicano, in modo da capire quali conti deposito siano più redditizi per i nostri risparmi. Una volta esaminate le offerte delle varie banche occorre compararle, in modo da vedere quali sono i rendimenti più elevati. Come fare delle simulazioni di rendimento online Fare delle simulazioni sul rendimento del conto ci farà immediatamente capire quale banca conviene di più. Se compiliamo i form che le banche mettono a disposizione per i clienti con l’ammontare che vogliamo mettere in deposito e il tempo che blocchiamo il capitale, avremo immediatamente la proiezione del rendimento, che comparata con le altre proiezioni ci farà immediatamente capire quale delle offerte del mercato bancario è migliore per noi. Il nostro sito vi aiuterà a comparare i vari conti deposito in maniera rapida e semplice attraverso i link messi a vostra disposizione, in modo da avere il più presto possibile sotto i vostri occhi il rendimento migliore. Come scegliere la banca più affidabile La scelta del conto deposito non deve limitarsi al rendimento maggiore ma deve anche tener conto dell’affidabilità dell’istituto. Le banche non sono, infatti, tutte affidabili allo stesso modo. Occorre, quindi, cercare per prima cosa un istituto di credito affidabile che riesca a valorizzare i nostri risparmi senza correre il rischio di perderli. Se troviamo, quindi, una banca che offre rendimenti elevati per il conto deposito, ma che non è molto quotata a livello mondiale, andiamo cauti, perchè è sempre meglio guadagnare pochi soldi che mettere a rischio i nostri risparmi. Disclaymer: le condizioni previste da ogni istituto bancario variano nel tempo. Sei pregato di analizzare e di verificare le condizioni aggiornate sul sito ufficiale della banca, prima di fare qualsiasi acquisto e contratto. Per fare un buon investimento per il futuro,  controlla e verifica la lista dei migliori conti deposito del 2021.

Qual è Il conto deposito migliore?

Coloro che amano risparmiare ed avere un piccolo guadagno spesso e volentieri si domandano costantemente quale sia il conto deposito che si possa reputare migliore: per poterlo capire, trovare e scegliere bisogna cercare di analizzare diversi aspetti importanti che permetteranno all’utente di far ricadere la propria scelta sul conto deposito più vantaggioso. Primo aspetto: costi ed interessi attivi. Il primo aspetto che deve essere preso in considerazione, se non il più importante, riguarda l’aspetto economico del conto: bisogna, infatti, cercare di fare una sorta di bilancio prima di aprire un conto deposito e verificare se effettivamente questo risulta essere veramente migliore rispetto ad un altro oppure se è soltanto fumo negli occhi. Di conseguenza, il risparmiatore deve verificare se il conto deposito presenta diversi costi di gestione che generalmente possono incidere in maniera negativa sul suo deposito: un conto migliore di un altro risulta essere quel conto che presenta pochissimi costi o che magari risulta essere del tutto gratuito, e per poterlo trovare ovviamente bisogna cercare quei conti deposito che si possano aprire solamente sul web, i quali appunto non presentano nessun tipo di costo per la loro apertura. L’altro aspetto che bisogna valutare riguarda gli interessi attivi sul conto corrente: il risparmiatore, per trovare un conto che si possa reputare migliore di un altro, deve cercare quei conti che raggiungono una grande percentuale netta, in quanto soltanto grazie ad essi il risparmiatore sarà in grado di trovare un conto corrente che risulta essere perfetto per le sue esigenze. Nella maggior parte dei casi, il conto deposito possiede un tasso di interesse che si aggira intorno al quattro percento, anche se trovare questi conti risulta essere ardua impresa: il titolare deve ovviamente cercare sempre i conti che presentano un elevato tasso di interesse, poiché come detto prima, soltanto questi potranno offrire un guadagno al titolare del conto. Un conto migliore di un altro è, quindi, quello con poche spese e con un alto tasso d’interesse. Vincolare o non vincolare il conto: questo è il problema. Il secondo aspetto che bisogna considerare per trovare un conto deposito che si possa reputare migliore riguarda la possibilità di vincolare o meno il conto. Nel caso in cui l’utente non voglia vincolare la sua somma di denaro c’è da sottolineare il fatto che il tasso d’interesse sarà molto inferiore rispetto i casi in cui la somma di denaro venga congelata, ma comunque in questo caso vi è un grosso vantaggio: il titolare potrà decidere quando e quanta somma di denaro ritirare dal suo conto senza dover incorrere in penali e somme di denaro da pagare. Il secondo caso, invece, è leggermente più complesso: maggiore sarà il tempo del vincolo e maggiore sarà il tasso d’interesse annuale e di conseguenza il risparmiatore dovrà scegliere attentamente per quanto tempo congelare il denaro, poiché questo non potrebbe esser ritirato prima della fine della durata del conto. In questo caso, quindi, il conto migliore da trovare varia a seconda della scelta che il risparmiatore decide di effettuare: se questo … Leggi tutto

Offerte conto deposito: cosa offrono le banche

L’offerta delle banche in merito ai conti deposito si basa sulla capacità effettiva dell’aumento del rendimento che lo stesso conto offre grazie alle somme depositate. Ogni risparmio vanta di un vincolo, il quale rimarca la garanzia del risparmio e l’interesse di guadagno di chi ne beneficia. Il tasso d’interesse d’ogni conto tende a differenziarsi in base alla stipula del contratto offerto dalla banca aderente. I denari investiti mediamente sottostanno ad un vincolo che temporalmente può essere stimato dai 3 mesi ad 1 anno. La liquidazione degli interessi generalmente è erogata all’intestatario del conto una volta che il periodo della loro maturazione è cessato. Ogni cliente è libero di scegliere se beneficiare immediatamente degli interessi o lasciare che gli stessi siano integrati nel capitale investito sul conto, affinché la somma sia maggiore e possa in un periodo successivo dare il vantaggio di percepire interessi futuri. Il vincolo della somma investita è positivamente soggetto ad aumento, si precisa che la percentuale media di crescita è stimabile intorno dal 2 al 4,50%, un elemento che pone in evidenza una differenza, ovvero, laddove il cliente non desiderasse vincolare il proprio conto, non avrebbe la possibilità di accrescere il proprio capitale d’interesse, pertanto decidere di aderire ad un vincolo temporaneo dei propri capitali è una scelta che sicuramente gioverebbe allo stesso denaro depositato. PERCHÉ SCEGLIERE UN CONTO DEPOSITO? La risposta è semplicissima: il conto deposito ha una copertura fino a 100.000 € in caso di default dell’istituto bancario da un piano sicurezza atto a tutelare i depositi degli clienti. Pertanto, tale metodo mostra palesemente quanto il livello di rischio sia pari a zero. Ogni cliente può prelevare senza ulteriori vincoli utilizzando il conto di tipo tradizionale, ottenendo così quanto necessario in modo veloce e semplice. Non sono previste spese di apertura o chiusura. Il tasso d’interesse è il più alto in assoluto rispetto ad altri metodi d’investimento, specie riscontrabili nei prodotti postali. COSA OCCORRE SAPERE: È d’obbligo esser intestatari anche di un altro conto corrente, in modo tale che lo stesso sia utilizzato da tramite per le frequenti transazioni od operazioni di routine. Giacché il conto deposito premette d’esser stato ideato attraverso l’utilizzo del vincolo, come fonte di crescita sul tasso d’interesse, lo stesso vincolo non permetterebbe delle operazioni, pertanto le stesse sono comunque effettuabili, translando parte del proprio capitale su un secondo conto, utilizzato per qualsiasi necessità del cliente che avrà due vantaggi: poter pagare, beneficiare di accrediti sul proprio conto ed incrementare gli interessi. CONTO DEPOSITO E TECNOLOGIA: Una delle innovazioni odierne in merito ai conti offerti in deposito, è la possibilità d’adesione ed apertura on line: ogni cliente può accedere alla pratica documentandosi in maniera diretta comparando più siti affinché possa aderire alla procedura ad esso più confacente. Disclaymer: le condizioni previste da ogni istituto bancario variano nel tempo. Sei pregato di analizzare e di verificare le condizioni aggiornate sul sito ufficiale della banca, prima di fare qualsiasi acquisto e contratto. Per fare un buon investimento per il futuro,  controlla e verifica … Leggi tutto

error: I contenuti sono protetti !!!

Su questo sito web utilizziamo strumenti proprietari o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente utilizzati per consentire il corretto funzionamento del sito (cookie tecnici), per generare report sull’utilizzo della navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma se hai facoltà di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione puoi decidere di lasciarli abilitàti, così ci aiuti a darti un’esperienza migliore.

In caso puoi sempre visitare la nostra pagina Privacy Policy, Disclaymer e Termini e condizioni per saperne di più come previsto dal GDPR.